Etichette ambientali: la sostenibilità deve essere certificata

In un mondo sempre più attento alla sostenibilità, le aziende si trovano ad affrontare la necessità di dimostrare un impegno costante verso pratiche eco-friendly, verificate e monitorate da etichette ambientali specifiche.

Un modo cruciale per farlo è infatti ottenere certificazioni riconosciute che attestino la sostenibilità dei loro prodotti e processi. Queste certificazioni fungono da garanzia per i consumatori e dimostrano il rispetto per l’ambiente e per le comunità coinvolte.

FSC, EU Ecolabel e altre certificazioni

Tra le etichette ambientali più rinomate rientra sicuramente il Forest Stewardship Council (FSC), una certificazione che garantisce che il legno e i prodotti forestali provengano da foreste gestite in modo responsabile.

Per ottenere la certificazione FSC, le aziende devono dimostrare il rispetto di rigidi standard ambientali, sociali ed economici lungo l’intera catena di approvvigionamento. Questo marchio è un segno tangibile dell’impegno verso la conservazione delle foreste e la tutela degli ecosistemi.

Oltre al FSC, nel settore del packaging esistono molte altre importanti certificazioni, come ad esempio l’EU Ecolabel, un marchio, riconosciuto a livello europeo, che garantisce che i materiali e i processi utilizzati per la produzione dell’imballaggio rispettino standard rigorosi di sostenibilità. L’EU Ecolabel per il packaging indica che l’imballaggio è stato realizzato utilizzando materiali e processi che riducono l’uso di risorse naturali, minimizzano l’emissione di sostanze nocive nell’ambiente e promuovono il riciclo e il riutilizzo.

Nel packaging in carta e cartone, esistono poi certificazioni ancora più specifiche come Aticelca, che assicurano che i materiali siano prodotti e riciclati in modo responsabile, contribuendo alla riduzione dell’impatto ambientale complessivo del packaging.

Aticelca e l’attenzione di Cartotecnica Moreschini per le etichette ambientali

Aticelca è un’associazione che unisce tecnici ed esperti dell’Industria Cartaria, con l’obiettivo di fornire agli associati consigli e informazioni cruciali per ottimizzare i processi di lavorazione della carta.

Uno degli strumenti chiave che utilizza è il sistema Aticelca 501, che valuta il livello di riciclabilità dei prodotti a base cellulosa attraverso un’analisi approfondita dei parametri rilevanti per il riciclo.

Carton Skin di Cartotecnica Moreschini ha ottenuto questa prestigiosa valutazione, confermando un’eccellente riciclabilità, con il massimo punteggio, il livello A. Il prodotto ha superato con successo rigorosi test di riciclabilità, garantendo un’elevata efficienza sia dal punto di vista tecnologico che economico, con un tasso di scarto inferiore al 10%.

Questo risultato sottolinea l’impegno costante dell’azienda verso la sostenibilità, dimostrando l’attenzione e gli sforzi dedicati a promuovere pratiche eco-friendly.

Condividi l’articolo