Cartone riciclato: l’innovazione di P&G e Paboco

Quella del cartone riciclato è una tematica molto discussa da tantissimi, in particolare dalle multinazionali che producono beni di largo consumo.

Il riutilizzo dei materiali è infatti uno degli obiettivi principali dei grandi marchi che da anni ormai si impegnano a diminuire gli sprechi e a rispettare il più possibile l’ambiente.

Tra questi Procter & Gamble, conosciuta in tutto il mondo – oltre che per i suoi prodotti – per gli splendidi spot televisivi che realizza in occasione di ricorrenze importanti, ha fatto passi da gigante.

recycled cardboard

Il primo flacone per detersivi in carta riciclabile 

P&G ha annunciato di voler lanciare sul mercato europeo – in via del tutto sperimentale – il primo flacone per ammorbidenti in carta riciclabile.

Il packaging in questione potrebbe eliminare totalmente l’uso della plastica, cambiando le abitudini legate a questa tipologia di confezionamento e aprendo le porte all’utilizzo del cartone riciclato.

Il flacone è stato ideato da P&G in collaborazione con Paboco  e verrà adottato per la linea di ammorbidenti Lenor.

L’obiettivo principale è ovviamente quello di ridurre notevolmente il consumo di plastica entro 8 anni, come previsto dall’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile.

Che cos’è Paboco? 

Paboco  è una realtà nata nel 2019 e portata al successo dall’unione delle idee dello sviluppatore di materiali di imballaggio BillerudKorsnäs e dell’esperto della produzione di bottiglie Alpla.

Il progetto consiste nella trasformazione delle inquinanti bottiglie di plastica in contenitori di carta ed è rivolto sia alle aziende che ai privati.

Avviato dalla società d’innovazione danese EcoXpac nel 2010, il progetto Paboco vede per la prima volta la luce 5 anni dopo, con l’avvio di “The green fibre bottle“, un lavoro incentrato sulla realizzazione di bottiglie di carta a base di fibre riciclate.

L’evidente progresso apportato dal progetto attira presto l’attenzione dei due colossi BillerudKorsnäs e Alpla entrambi decisi a guidare l’innovazione del packaging eco-sostenibile.

Condividi l’articolo