Carta e cartone: si riduce il contributo CONAI

Per carta e cartone è un momento molto delicato.

L’aumento dei valori di mercato della materia prima danneggia infatti la filiera di riferimento e di conseguenza, i suoi ricavi.

Il Consorzio Nazionale Imballaggi ha quindi deliberato un’ulteriore riduzione del Contributo Ambientale per la Carta (CaC) a partire dal 1 gennaio 2022.

È la seconda diminuzione nell’ultimo anno e mezzo.

Già dal 1° luglio 2021 infatti il contributo era stato dimezzato, passando da 55 EUR/tonnellata a 25 EUR/tonnellata.

CONAI: un provvedimento necessario

Dal 1° gennaio 2022 il CONAI ha raggiunto i 10 EUR/tonnellata, cercando di supportare concretamente le imprese che utilizzano packaging in carta e cartone.

Le azienda della filiera, ancora in ripresa dalla pandemia, hanno infatti la necessità di centellinare i risparmi economici, mantenendo il focus sulla tematica del riciclo e dell’inquinamento ambientale.

Il CaC non influisce assolutamente sulle operazioni di raccolta dei materiali: Comieco ha difatti garantito un’ attenzione invariata su tutto il territorio, attraverso medesimi controlli e attività.

D’altronde, l’Italia è è uno dei paesi più affini alla tematica dell’economia circolare: il 60% della produzione cartaria del Belpaese avviene infatti partendo da fibre di recupero.

Gli ultimi traguardi raggiunti poi, dimostrano ulteriormente la sua forte attenzione nei confronti della sostenibilità.

Paper and cardboard

Superando considerevolmente l’obiettivo imposto dall’UE 15 anni prima del previsto, la Penisola merita di fatto un riconoscimento unanime per l’impegno dimostrato.

Gli ultimi anni non sono stati certamente tra i più facili: la pandemia ha messo a dura prove le attività di tutto il mondo, imponendo una riorganizzazione del lavoro immediata e il più possibile redditizia.

Nonostante ciò, la sostenibilità continua a ricoprire un ruolo fondamentale per il nostro settore. Del resto,  quello del riciclo è un obiettivo basilare, che abbiamo il dovere di perseguire con dedizione.

Condividi l’articolo