Packaging particolari: Veuve Clicquot mette la freccia

Il mercato delle bevande alcoliche ci propone spesso dei packaging particolari. Abbiamo già trattato interessanti forme di sperimentazione qui e qui. Questa volta parliamo invece di Veuve Clicquot, noto marchio di champagne capace di pensare fuori dagli schemi.

Dopo avere inventato una gran varietà di miscele in edizione speciale per allargare la base dei consumatori, allo stesso modo la casa vinicola di Reims ha rinnovato l’offerta anche giocando con il design della confezione.

Il pack della linea Clicquot Arrow è senz’altro creativo e divertente: la bottiglia è custodita infatti in una confezione di metallo giallo che ricorda la freccia di un’indicazione stradale. Ovviamente si tratta della stessa tonalità di giallo che da anni caratterizza l’iconico marchio di champagne francese. Le destinazioni a cui la freccia Clicquot porta sono ben 29: da New York a Kyoto, da Londra a Parigi, da Roma a Hong Kong, da Buenos Aires a Rio de Janeiro. Su ogni scatola, oltre al nome della città, è anche indicata la distanza che la separa da Reims, il centro di produzione della maison.

Il design di queste inconsuete confezioni di Veuve Clicquot sfrutta la forma e il colore per stupire e conquistare, ma anche per “far viaggiare” i valori del brand. Ispirato dallo spirito pionieristico di Veuve Clicquot, questo pack vuole infatti rilanciare il dinamismo, l’internazionalità e la visione globale del marchio.

Ancora una volta, il packaging si conferma molto più di un qualcosa che contiene o protegge un prodotto. È anche uno fra i più importanti veicoli dei messaggi del brand e dell’identità del marchio.

Inoltre, grazie alla loro eccentricità, questi packaging particolari sono in grado di attirare l’attenzione. Rappresentando una forma di “discontinuità visiva” a scaffale, riescono infatti a distinguersi in modo originale dalla concorrenza.

Condividi l’articolo