La carne è ancora fresca? Te lo dice l’etichetta smart

In un futuro vicino, le etichette smart potrebbero aiutare i consumatori a sentirsi più sicuri della freschezza della carne. Negli Stati Uniti è infatti allo studio un prototipo di queste etichette in grado di misurare attraverso dei sensori se il prodotto si può consumare oppure no, indipendentemente dalla data di scadenza indicata sulla confezione.

La sperimentazione è condotta da Ynvisible, azienda specializzata in tecnologia intelligente e display elettrocromici stampati, e Innoscentia, realtà che si occupa di tecnologia alimentare.

L’etichetta smart ridurrà lo spreco alimentare

Secondo gli sviluppatori del progetto, grazie a questa tecnologia si potrebbe ridurre lo spreco alimentare, prolungando la durata di conservazione del prodotto.

Le etichette tradizionali, che riportano la data di scadenza, prevedono infatti un largo margine di sicurezza per consumare il prodotto e non ne considerano lo stato di conservazione. In pratica, una normale etichetta ci indica entro quando mangiare l’alimento, ma non sa esattamente se la carne potrebbe mantenersi fresca qualche giorno in più, oppure al contrario se è già avariata (magari perché conservata male).

Grazie a questa etichetta intelligente che combina i sensori Innoscentia e i display Ynvisible, il consumatore potrà invece conoscere la freschezza della carne in tempo reale. In sostanza, questo sistema permetterebbe di prolungare il tempo a disposizione per consumare il prodotto, ma anche di segnalare se il cibo non è più commestibile.

I consumatori potranno anche scansionare l’etichetta con il proprio telefono per visualizzare ulteriori dati sull’alimento.

Packaging intelligente a tutela delle risorse e della salute

Grazie all’avanzamento delle nuove tecnologie, il packaging sta diventando sempre più intelligente: uno strumento che oltre a conservare, proteggere e comunicare, servirà anche a fornire informazioni dettagliate sui prodotti contenuti.

A tutto vantaggio del nostro tenore di vita e della nostra salute.

Condividi l’articolo