Espositore da banco antimanomissione per cosmetici e farmaci: ZiBox di Cartotecnica Moreschini

Il marketing e il visual merchandising sono diventati un elemento importante anche all’interno di farmacie e parafarmacie. L’apertura delle farmacie al “mercato commerciale” è dimostrata dal sempre maggior numero di espositori da banco presenti in questi punti vendita. 

Senza perdere la sua funzione principale, la farmacia ha allargato la sua offerta. Il marketing è entrato dunque al suo interno per proporre una serie di prodotti complementari ai farmaci, in qualche modo accomunati dall’attenzione per il benessere e la salute. In farmacia possiamo infatti trovare articoli per la prima infanzia o ortopedici, cosmetici, integratori e molto altro.

Se anche la competenza del farmacista è di fondamentale importanza per indirizzare la clientela verso i prodotti complementari più adatti alle necessità del cliente, anche gli espositori da banco giocano un ruolo rilevante nella scelta di questi articoli.

ZiBox, l’espositore creato da Cartotecnica Moreschini

E allo scopo di dare ai prodotti il giusto spazio, Cartotecnica Moreschini ha creato un vassoio pensato per la GDO per il settore cosmetico e farmaceutico: ZiBox.

A differenza di molti espositori da banco, ZiBox si compone di un unico pezzo ed è realizzato in Onda F/E/B e cartoncino teso per garantire la massima robustezza. Con due semplici movimenti è poi possibile ottenere un vassoio da esposizione comodo, economico e dal taglio pulito

Le speciali chiusure di ZiBox permettono inoltre di avere un prodotto antimanomissione. 

Gli espositori da banco per farmaci e cosmetici progettati dalla Cartotecnica di Bologna possono essere utilizzati direttamente a scaffale. ZiBox è pensato per essere facile da confezionare, impossibile da manomettere durante la fase di trasporto e soprattutto privo di imballo per il trasporto: questo consente, oltre che una facilità di gestione, anche la riduzione del volume dei rifiuti.

Dal magazzino allo scaffale in 2 semplici movimenti!

Condividi l’articolo